Per Pavimentazione industriale si intende una pavimentazione  costituita da una piastra orizzontale in calcestruzzo continua che può essere  armata in modo leggero , oppure   in modo classico, oppure fibrorinforzata in modo strutturale, o armata con sistema di post-tensione, in genere di grande dimensione. La pavimentazione industriale deve avere dei particolari requisiti  specifici, in relazione alla tipologia, al luogo dove deve essere posata e all’uso a cui è destinata.

Prima di realizzare un qualsiasi tipo di  pavimentazione industriale, bisogna per prima cosa effettuare un’analisi specifica sulle caratteristiche strutturali, le differenti destinazioni d’uso e scegliere tra le varie soluzioni tecnologiche quelle più adatte per una ottimale riuscita della posa e una migliore durata nel tempo.

La durabilità del pavimento dipende dalla manutenzione ordinaria che deve essere stabilita al momento della posa, in accordo col committente del lavoro , e che consiste nella decontaminazione, nella manutenzione  dei giunti e delle superfici e che dipende dalla tipologia del rivestimento adottato. Più la manutenzione è costante più la pavimentazione avrà una buona durata nel tempo e un aspetto sempre ottimale.

Le pavimentazioni industriali sono soprattutto in calcestruzzo, in resina e in PVC.

Pavimentazione in calcestruzzo

Per le pavimentazione industriali  si utilizzano soprattutto  piastre di calcestruzzo solitamente rivestite  da uno strato antiusura sulla superficie con una ottima resistenza all’abrasione da parte di passaggio di veicoli pesanti, agenti atmosferici e usure di vario tipo.

Le pavimentazioni possono essere sia da interno che da esterno,  a contatto diretto con il terreno, oppure posizionate su  pavimenti o solai preesistenti e possono essere  armate ( con fibre strutturali oppure con reti elettrosaldate) oppure non armate.

Una mirata progettazione strutturale che tiene in considerazione tutti i possibili carichi in gioco , le varie caratteristiche  del solaio o del terreno sul quale deve essere appoggiata, ha il merito di permettere la  realizzazione di una pavimentazione in calcestruzzo priva di difetti, che sia sempre funzionale nel tempo , e richiede una ridotta o assente manutenzione. Anche la scelta del calcestruzzo richiede una scelta mirata ed accorta , poichè proprio  nella fase di posa  presenta una maggiore difficoltà, in confronto ad altre strutture in cemento armato, dal momento che bisogna realizzare  lo strato antiusura sulla superficie della pavimentazione .

I pavimenti industriali si possono ordinare in base a:
– tipo di supporto;
– destinazione d’uso;
– resistenza all’ usura;
– materiali da cui è composta (calcestruzzo tradizionale, calcestruzzo ad espansione, calcestruzzo armato, calcestruzzo  con rete di armatura , e/o con  fibre metalliche o sintetiche).
Le piastre di calcestruzzo  si possono posizionare e appoggiare  su supporti di varia natura, come ad esempio  igloo, lamiera grecata, massicciata,materassini coibentati , solai di vario genere oppure su una pavimentazione preesistente.

La norma UNI 11146  (“progettazione, esecuzione e collaudo dei pavimenti di calcestruzzo ad uso industriale”) definisce tutti i vari  criteri per la progettazione e per il collaudo dei pavimenti  ad uso industriale.

Pavimenti in resina

Tutti i  pavimenti in resina sono regolati dalla normativa UNI8297 che classifica le varie tipologie di rivestimenti in resina in base allo spessore e all’applicazione.

La superficie dei pavimenti in resina sono costituiti da un rivestimento che può essere:

  • A pellicola (verniciature in resina di spessore pari a circa 2,5 mm)
  • Multistrato (applicazioni a spatola con spessore finale pari a circa 1,5/2,0 mm)
  • Autolivellante (minimo 2 mm)
  • A massetto (minimo 5 mm)

Pavimenti industriali in PVC

I pavimenti in PVC sono sempre più utilizzati per i rivestimenti industriali, grazie alla loro caratteristiche tecniche. I pavimenti in PVC sono costituiti da tre strati: la base di supporto, lo strato intermedio in pellicola stampata e lo strato superiore. Lo strato in pellicola è quello che determina l`estetica del pavimento mentre lo strato superiore  protegge il pavimento dall`usura dovuta al calpestio e alle varie sollecitazioni. Il PVC ha quindi un’ ottima resistenza meccanica, che gli permette di resistere ottimamente ad urti ed abrasioni. I pavimenti in PVC non hanno presenza di fughe e questo permette una grande facilità di pulizia. Al contrario dei pavimenti in resina e in calcestruzzo, i pavimenti in PVC sono estremamente flessibili e per questo resistono nel tempo e sono degli ottimi isolanti termici ed acustici. Per la sua estrema flessibilità il pavimento in PVC può essere utilizzato in diversi ambienti. Un ulteriore pregio dei pavimenti in PVC è che sono riciclabili al 100%. Il pavimento in PVC viene utilizzato in diversi ambienti commerciali: magazzini, autorimesse, palestre. Un altro pregio del PVC è la resistenza al fuoco e agli agenti chimici. Inoltre ha ottime proprietà isolanti.

Tutti i migliori materiali certificati e i marchi più prestigiosi di prodotti per la pavimentazione industriale, la  pavimentazione di esterni e autobloccanti,  la pavimentazione in pietra si possono trovare presso il magazzino di Martinelli s.n.c. a Somma Lombardo.

Anche i migliori servizi  di pulizia pavimenti e videoispezioni di tubi e fognature si possono trovare presso il magazzino di Martinelli s.n.c. a Somma Lombardo.

Martinelli s.n.c.

Via Alberto da Somma, 26
Somma Lombardo
Varese
Italia
+39 0331 255119